Dal 18 maggio finalmente il negozio in via dei Banchi Vecchi 124 riaprirà, ciò ci rende molto felici. Rispetteremo gli orari della fascia 3 ossia 11-13.30 e 14.30-19 e saremo aperti dal lunedi al sabato. Ovviamente nulla sarà come prima per un pò di tempo e dovremmo seguire le regole del decreto sul Covid-19:
potrà entrare una persona alla volta e solo con la mascherina sul viso
non saranno più disponibili i tester ne sarà possibile sentire il tè dal barattolo
per consultare la carta dei tè vi consiglio direttamente vedere sul sito www.biblioteq.it in quanto non sarà possibile avere una carta dei tè su carta
per la maggior parte i tè saranno già impacchettati e sigillati nelle loro buste.
Purtroppo so che questo non è il modo migliore di comprare il tè, ho sempre sostenuto che il tè va scelto con cura ma questa volta dobbiamo adeguarci ad un'emergenza che può essere superata solo con l'attenzione di tutti.
Vi ringrazio per la comprensione e spero che tutto torni nella normalità il prima possibile.
Claudio Rubcich
entra nel sito >>
BiblioTèq

Il tè turco

In Turchia il tè si coltiva nella Regione del Mar Nero; la costa turca del Mar Nero è lussureggiante, umida e sempre verde, con fitte foreste di pini che rivestono le vette dei monti. Il clima umido e il terreno fertile permettono la coltivazione di una grande varietà di prodotti compresi il tè, il tabacco ( a proposito,con il tabacco si prepara una colonia da uomo molto aromatica!) il granturco e le nocciole. A 75 km da Trabzon (Trebisonda),la città più grande della Regione, si trova la Rize; questa città riposa sul versante di una montagna ricoperta di piantagioni da tè e in estate ospita un "Festival del tè" durante il quale si può acquistare la migliore miscela di tè del Mar Nero (così mi ha detto la gente del posto!).
 


Ecco cosa serve per preparare il tè alla turca:
1) Una teiera che in realtà è composta di 2 teiere, l'una sopra all'altra
2) Tè della Regione del Mar Nero ( le foglie sono scurissime!)
3) Servizio da tè turco: bicchierini a forma di tulipano con piattini abbinati;
4) Quadratini di zucchero (sono più piccoli dei nostri)
5) Lokum (tipici dolci gelatinosi tuchi) come accompagnamento o anche baklava

Passiamo alla preparazione ( sotto dettatura della mia guida turca durante i vari spostamenti):

1) Riempire d'acqua la teiera inferiore e portarla a ebollizione;
2) Mettere le foglie di tè in quella superiore ( il calore le ammorbiderà facendo rilasciare il loro aroma)
3) Versare l'acqua calda sulle foglie e lasciare in infusione 10-15 minuti ( tanto eh! Anche io sono rimasta sorpresa!)
4) A seconda che si voglia un tè più scuro o più chiaro si aggiunge sempre un pò dell'acqua calda della teiera inferiore al liquore versato nei bicchierini

Ringrazio Sara Cardinali che in seguito ad un viaggio in Turchia ci ha portato queste informazioni!

 

Questo sito utilizza cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nell'informativa sull'uso dei cookie.