Ama-cha-foglie
004-buddha-ama-cha

Buddha Ama Cha tè di ortensia - Rarità


A partire da: 7,00 €
Prezzo standarizzato:

Descrizione

Tè di ortensia Ama Cha, molto difficile da trovare e con un sapore decisamente particolare: ricorda la liquirizia con in più una sensazione dolcissima di fondo. Se ne usano poche foglie a tazza ed è privo di caffeina.


Scegli il peso

Stampa

Categoria: Ortensia (Foglia)

Infusione: 30 secondi a 85-90°C per più infusioni, da 2 a 4 foglie a tazza

Acqua: con residuo fisso inferiore a 100, poco sodio

Descrizione:

Famoso e raro questo "non tè", deriva infatti da una famiglia di ortensie ed è usato in Giappone in particolari celebrazioni. E' dolce con ricordi di liquirizia, persistente e avvolgente. Da provare assolutamente

Curiosità:

Una delle feste nazionali in Giappone è Hana Matsuri, la festa dei fiori che cade ogni anno l’8 di aprile e con la quale si celebra la nascita del Buddha. La cerimonia si basa su un rito chiamato Kambutsu-è, durante il quale la statua viene lavata con tè dolce (amacha) ottenuto da foglie di particolari tipi di ortensie: la miniatura del Buddha, in bronzo, viene piazzata al centro di un fiore di loto ed ogni persona versa un po’ di questo infuso sulla statua per tre volte con un cucchiaio di bambù. Il tè dolce rappresenta l’acqua pura versata sulla testa del Buddha dai draghi.
L’infuso viene fatto con foglie seccate di particolari hydrangee, le cui foglie sono ricche di una sostanza naturale edulcorante che dà all’infuso il caratteristico sapore dolciastro tanto da essere usate come dolcificante prima dell’introduzione dello zucchero.  Nel passato la gente pensava che questo tè avesse poteri magici: usavano l’amacha come inchiostro per scrivere delle formule magiche che poi venivano appese al portone di casa per tenere lontani serpenti ed altri insetti ed animali sgradevoli.
Le varietà di ortensie del gruppo amacha sono più di dieci e sono tutte ascrivibili alla specie Hydrangea serrata, conosciute in Giappone col nome yama ajisai (ortensie di montagna); la maggior parte di esse ha foglie strette con superficie opaca e portano infiorescenze di tipo lacecap, bianche, rosa o blu. Sono più o meno tutte localizzate sulle montagne del centro e nord del Giappone. Il tè più dolce si ottiene dalle lunghe foglie di ‘Nagaba amacha’ che cresce nel centro dell’isola di Honshu. (tratto da: www.pbortensie.com)

Abbinamenti:

da godersi così com'è anche se lega perfettamente con alcuni dolci, sopratutto quelli giapponesi a base di soia. Non lo trovo indicato per i salati.

Questo sito utilizza cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nell'informativa sull'uso dei cookie.